UIGEA: aumenta la pressione sugli USA

Il .

I legislatori americani e l’Unione Europea stanno aumentando la pressione sul governo statunitense affinché revochi ufficialmente l’UIGEA (Unlawful Internet Gambling Enforcement Act). Siamo finalmente a un passo dalla fine del proibizionismo sulle scommesse online? Secondo l’agenzia Reuters, il Commissario europeo per il commercio, Peter Mandelson, ha parlato martedì al Parlamento Europeo. Ha sottolineato che sarebbe molto difficile coprire i danni con gli opportuni risarcimenti. Inoltre ha notato che la discriminazione e l’esclusione di aziende straniere dal mercato statunitense stanno per finire. Mandelson ha incontrato Barney Frank a Washington alcune settimane fa ed era certo che i tentativi compiuti da Frank per abolire l’UIGEA avrebbero avuto successo.

capitol

Si stanno levando sempre più voci contrarie alla legge. Due membri della Camera dei Rappresentanti e altri legislatori hanno criticato l’UIGEA in una lettera aperta.

Ora i partner commerciali degli Stati Uniti chiedono risarcimenti per i mancati introiti prima del WTO. Le loro richieste si aggirano sui 100 miliardi di dollari. Il capo della commissione finanziaria Barney Franck e il capo della commissione legale John Conyers rispondono alle critiche: i risarcimenti richiesti, derivanti dal mantenimento in vigore dell’UIGEA, causeranno ingenti danni all’economia americana. Si spingono addirittura oltre: se l’UIGEA rimane così com’è, mettono in dubbio la credibilità degli Stati Uniti tra i partner commerciali.

Anche Annie Duke è intervenuta alla Camera sull’argomento delle scommesse online. Anche altri giocatori di poker famosi hanno fatto propaganda per l’abolizione, o almeno per una modifica, dell’UIGEA, aumentando così la pressione sul governo americano. Si sta avvicinando la fine delle voci sull’UIGEA. Questo desterà un interesse ancora maggiore nel governo e tra il pubblico.

all free web

Pin It