Il Levski Sofia vittima della truffa da parte delle agenzie di scommesse

Il .

Sembra che la squadra di calcio bulgara sia stata coinvolta in una truffa elaborata da un'associazione di agenzie di scommesse capeggiata dalla mafia.

Il Levski Sofia ha ricevuto un fax dalla squadra del Rubin Kazan, che chiedeva di comprare quattro giocatori (Zhivko Milanov, Youssef Rabeh, Darko Tasevski e Zé Soares) per milioni di dollari. Insieme con un responsabile del Levski Sofia, i quattro giocatori si sono recati in Russia per gli esami medici di rito.

Il gruppo ha incontrato in un hotel di Mosca un falso responsabile dello staff del Rubin Kazan che ha informato i giocatori che gli esami avrebbero avuto luogo nell’hotel. Tuttavia, quando il medico non si è presentato, la delegazione Bulgara ha iniziato a mangiare la foglia. Contattando direttamente il Rubin Kazan, la delegazione bulgara è stata informata che la squadra russa non avrebbe mai manifestato alcun interesse per i giocatori. Il presidente del Rubin Kazan, Alexander Gusev, è in grado di provare che il fax originale ricevuto dai bulgari in realtà non è partito dalla sua squadra.

Per via del viaggio nella capitale russa, i giocatori non hanno potuto giocare il derby contro il CSKA Sofia, tenutosi domenica, e vinto dal CSKA per 2-0. Il Levski ha reso noto in un comunicato stampa ufficiale che la squadra pensa che il fax probabilmente sia partito da un'associazione di agenzie di scommesse gestita dalla mafia. Le autorità bulgare hanno iniziato le indagini.

Pin It