Cinque arresti a Hong Kong per lo scandalo delle partite truccate

Il .

Anche ad Hong Kong lo scandalo delle partite truccate è salito alla ribalta. Cinque giocatori sono stati arrestati dall’ICAC (la Commissione indipendente contro la corruzione) perché, stando a quanto affermano i media di Hong Kong, sembra che abbiano offerto del denaro a dei loro colleghi per convincerli a perdere le partite.

Secondo il giornale di Hong Kong, il South China Morning post, Yang Yu, il ventisettenne ex giocatore dell’Happy Valley, ha offerto dei soldi a un compagno di squadra per convincerlo a non vincere una partita.

Si pensa che lui e altre quattro persone facessero il gioco di un’altra squadra cinese e fossero stati reclutati dalle organizzazioni criminali cinesi dedite alle scommesse illecite.

Se sarà dimostrata la sua colpevolezza, Yu quasi certamente dovrà trascorrere molto tempo in carcere: potrebbe essere condannato addirittura a sette anni di reclusione e a una multa di circa 50.000 euro. Che cosa succederà agli altri quattro sospetti ancora non si sa, ma temporaneamente sono stati scarcerati dietro cauzione. Le celebrazioni per il sessantesimo anniversario della squadra erano già iniziate in sordina prima che scoppiasse lo scandalo, perché è la prima volta nei sessant’anni di storia dell’Happy Valley che la squadra è stata retrocessa in seconda divisione.

Pin It